Le Cattedrali Sotterranee, patrimonio dell'Umanità

di blister

L'aspetto più caratteristico di Canelli è l'originalità delle sue cantine sotterranee, uniche in Italia. Si tratta dell'esteso patrimonio architettonico delle cantine, vere "Cattedrali Sotterranee" che si snodano sotto tutta la città, per oltre venti chilometri, sprofondandosi per più piani nelle viscere delle colline tufacee (scendono fino a 32 metri nel sottosuolo), creando ambienti suggestivi: veri capolavori d'ingegneria e architettura. Nelle navate di queste cantine, ad una temperatura costante di 12-14 gradi, vengono conservate per l'invecchiamento le bottiglie del pregiato vino. Nella metà dell' 800 in Piemonte la produzione media d'uva moscato bianco era generata nel territorio comunale di Canelli, mentre un'altra proveniva dal vicino comune di S. Stefano Belbo e il rimanente dagli altri Comuni limitrofi. La maggior parte del vino veniva commercializzato in barili che le varie mescite (taverne ed osterie), rivendevano in fiaschi o a bicchieri. L'invenzione del "Vermouth" aveva come vino base il moscato, inoltre il metodo per spumantizzarlo prevedeva la fermentazione alcolica in bottiglia, questo mutò radicalmente la produzione: le aziende si trasformarono e dalla produzione artigianale passarono ad un metodo più "industriale". Contemporaneamente il Vermouth e il "Moscato Champagne", com'era chiamato all'epoca, ebbero rapida ascesa, tanto che per poter fare fronte alle richieste sorsero decine d'aziende tutte concentrate nel centro storico. In seguito l'avvento della ferrovia le distribuì su tutto il territorio interessato dalla produzione del moscato, generando un fenomeno che coinvolse l'intera produzione locale.
La lavorazione dello spumante richiedeva, e richiede ancora, una temperatura di 12 - 14 gradi costanti per tutto l'anno perciò le aziende necessitavano di cantine adatte che, per garantire tale temperatura, dovevano necessariamente essere situate sotto terra. La struttura collinare della zona e la composizione del terreno possedevano le giuste qualità: il tufo calcareo alterna strati molto duri ad altri sabbiosi ed è facilmente scavabile, inoltre conserva il giusto grado d'umidità ed isola perfettamente.
E' risaputo che da secoli si produceva vino ad uso locale e si scavavano "crutin" (cantine) per conservarlo, quindi inizialmente vennero utilizzate o si ampliarono le gallerie già esistenti, scavate nel tufo. In seguito, si vennero a creare delle esigenze tecniche ed igienico-sanitarie tali da dover ricorrere a costruzioni sotterranee in mattone pieno-cotto. Si crearono così degli ambienti lavorativi più confortevoli, si installarono impianti d'energia elettrica conformi alle leggi di sicurezza e fu possibile stoccare e lavorare milioni di bottiglie.
La tecnica costruttiva era varia. Si crearono strutture con volte a botte, a vela, a voltina, ad una o più navate, ad uno o più livelli; alcune si sprofondavano sotto le colline, sino ad una profondità di 32 metri, altre furono scavate più superficialmente o appena sotto il livello stradale. Molte sono talmente imponenti che meritano giustamente l'appellativo di "cattedrali sotterranee", sia per il loro aspetto spettacolare che per la suggestione che offre la "ritualità" con cui si eseguono tutte le fasi: luci soffuse e suoni ovattati, indispensabili per la trasformazione del contenuto nelle migliaia di botti e di bottiglie allineate nelle enormi cantine sotterranee.
Oggi quelle Cantine restano, mute testimonianze di un'impresa vitivinicola che mutò per sempre la vita e la cultura di quel settore, per questo Canelli propone di inserire le "Cattedrali Sotterranee" nel patrimonio culturale mondiale dell'Umanità dell'UNESCO, che è l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza, la Cultura e la Comunicazione fondata a Parigi il 16 novembre 1945, con la motivazione: "Per il loro alto numero, per lo scopo per cui sono state costruite, per le loro caratteristiche tecniche, perché testimoniano di un'epoca ricca di scoperte scientifiche legate al mondo del vino, per la loro unicità, perchè rappresentano uno straordinario patrimonio culturale unico al mondo che necessita di essere salvaguardato, studiato e conosciuto".




Articolo postato in data 20/03/2007 da blister

canelli cattedrali sotterranee canelli cattedrali sotterranee canelli cattedrali sotterranee canelli

Promozioni

GIORDANO LOMBARDO


Ai confini tra Piemonte e Liguria, in un paesaggio circondato da boschi di querce e vigneti, l’Azienda Agricola Biologica Giordano Lomb ...

GAVI(AL)
tel. +39 0143 643906
invia una mail invia una m@il

GIORDANO LOMBARDO
Comune